Profitti e regole, è la seconda era di internet

Gli operatori di telecomunicazioni cominciano a mettere in discussione la neutralità della rete, il principio fino ad oggi considerato intoccabile secondo il quale il fornitore di connettività non può variare il prezzo a seconda dei contenuti veicolati. Siano essi testi scritti o film. Il carico crescente dei dati trasportati sulle reti e gli investimenti resi necessari per sostenerli spingono gli operatori a mettere in discussione tutto. Siamo forse all'inizio di un ciclo nuovo di Internet. Innanzitutto dal punto di vista delle regole di condotta: una qualche forma di responsabilità andrà trovata, anche se non ingabbiando un corpo nuovo i armature vecchie. E poi da quello economico.

(Corriere della Sera del 25/02/2010)

ScaricaScarica